Svapoweb: il Tribunale assolve Bove

L’imprenditore Arcangelo Bove, titolare dell’azienda Svapoweb, è stato assolto in modo totale dalla sentenza del Tribunale del Riesame di Benevento.

Bove ha dovuto difendersi circa un piccolo equivoco amministrativo verificatosi nella sua azienda, un episodio che tuttavia si è chiarito in modo inequivocabile: presso Svapo web, infatti, non si è consumata nessuna irregolarità.

 

Cosa era accaduto presso l’azienda Svapoweb

 

L’episodio in questione fa riferimento a un controllo di routine che era avvenuto negli scorsi mesi presso la sede di Svapo Web, azienda che, è utile ricordarlo, opera nel settore del fumo elettronico.

Nell’occasione furono individuate, in magazzino, alcune merci prive di fatturazione, tuttavia Arcangelo Bove spiegò subito che tali merci erano giunte in azienda con un significativo anticipo rispetto alla data preventivata dal fornitore, per tale motivo la loro fatturazione doveva ancora essere effettuata.

Va peraltro sottolineato che nell’occasione non erano affatto stati violati i limiti temporali massimi previsti dalla legge entro i quali produrre le fatture, di conseguenza nulla poteva lasciar pensare alla consumazione di un reato.

 

L’oscuramento del sito web e altri ostacoli temporanei

 

Arcangelo Bove si è sempre mostrato molto sereno, tuttavia la vicenda ha dovuto fare il suo corso.

Nell’attesa che il Tribunale si esprimesse circa tale vicenda, l’imprenditore e la sua azienda hanno dovuto affrontare un periodo per nulla semplice.

L’ostacolo più grande che ha dovuto affrontare SVAPO web è stato rappresentato senza dubbio dall’oscuramento del suo sito Internet, l’e-commerce tramite il quale serve migliaia e migliaia di clienti ogni mese.

Come trascurare inoltre che Bove è stato temporaneamente allontanato da ANAFE, l’associazione di Confindustria che riunisce i produttori di fumo elettronico, inoltre è innegabile che l’azienda, e anche la persona di Arcangelo Bove, abbiano subito dei danni di immagine: alcuni media, infatti, hanno ipotizzato che presso Svapoweb.it si fossero consumati dei gravi reati, dalla ricettazione all’evasione fiscale.

 

Assoluzione piena per Arcangelo Bove

 

La vicenda in questione si è risolta nel migliore dei modi e, per fortuna, in tempi piuttosto brevi.

Il Tribunale del Riesame di Benevento ha assolto in maniera totale Arcangelo Bove e la sua azienda, dal momento che non si è consumato nessun reato e tantomeno delle irregolarità di qualsiasi genere: alla base di questo episodio, dunque, altro non c’è stato che un semplice equivoco.

Arcangelo Bove è stato prontamente riammesso da ANAFE e soprattutto è riuscito a difendere la sua immagine, quella di un imprenditore che ha avuto il merito di creare molti posti di lavoro e di costruire, in poco tempo, un’azienda leader nel suo settore.

 

Svapo: nuovamente online

 

Dal punto di vista pratico, ovviamente, l’aspetto più importante dell’assoluzione di Bove è rappresentato dal fatto che il sito Internet svapoweb è tornato online, e ha dunque ripreso a servire i suoi tantissimi clienti: www.svapoweb.it conta ben 150.000 utenti registrati, ovvero clienti fidelizzati che acquistano in modo continuativo.

Questo e-commerce propone una quantità davvero notevole di articoli, accomunati da una grande qualità.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.